giovedì 14 gennaio 2021

Il lottatore che danza


Mutare, trasformarsi, cedere e rafforzarsi … percorrere animalità oscure e perse nella notte dei tempi …dialogare con l’opprimersi della forza di gravità … riflessi primordiali confusi e perduti … strisciare e danzare danze di velluto scavate in lugubri cavità…

Fushime Taiso, il movimento del cambiamento, della trasformazione.

Un tratto, un segmento apparentemente immobile al resto che si muove, emozionato e agito come dato improbabile sottoposto a improvvisa alterazione.

Un braccio abbandonato sul punto di cadere, un piede calato nell’aria rarefatta, un gioco di fianchi a rotolare dimesso sul pavimento scostando ogni frizione.

Fushime Taiso, il movimento del cambiamento, della trasformazione.

Astro, fulmine, cometa, lingua lunga di drago… melma, lento disciogliersi senza forma, pigra scia di arti in azione, il serpente che regna sovrano e pretende assoluta attenzione …

 

Poi, alla fine che fine non è mai, accetto di mettermi in moto nonostante la seduzione che mi chiama a restare.

Diverso, mai uguale, parto solo per tornare

E’ una brezza che affiora da profondità di cellule nascoste, non trovate, da segmenti di muscoli e tendini ed articolazioni che vado scoprendo, curioso io e loro inaspettate.

Fushime Taiso, il movimento del cambiamento, della trasformazione.

 

Per paradosso vivere è un palpito che cala, perché tra guizzi e giri su se stessi si riavvolgono i giorni, gli anni, i secoli, ogni uccello a lievitare nell’aria imponendo la sua ala.

Accadono sensazioni di pancia irriducibili a narrazione che non sia invece narr - azione, che non tratti di emos – azioni; per questo, se mi divorano accanendosi, pure riescono a rendere arte la vita stessa ed ogni gesto che la sostanzia un’ardente evocazione.

 

Per questo Fushime Taiso, il movimento del cambiamento, della trasformazione, è irrinunciabile nella nostra pratica, pratica di Spirito Ribelle, audace e pronto in ogni azione.

Per questo Fushime Taiso, il movimento del cambiamento, della trasformazione, è quello in grado di riportarti guerriero, lottatore, combattente, uomo adulto, coraggioso e indipendente che sa stare in ogni conflitto, in ogni aggressione

Poteri potenti, se è questo che vuoi, a cui aneli.

 

 






 

 

 

lunedì 4 gennaio 2021

Ti offro la mia mano

Ma allora ti piace Baglioni?!” Mi chiede.

Qualche canzone. Poi, questa mi ricorda la “maturità” al Liceo Berchet”.

Jeans, capo d’abbigliamento che poi avrei abbandonato per sempre, maglietta a (improponibili!!) enormi strisce orizzontali dai colori dei più svariati: giallo, viola, verde, capelli lunghi fino alle spalle e quell’aria sfrontata dipinta su due occhi ancora dolci.

Fuori dal portone di scuola, il “Morini 175 cc” già carico di sacco a pelo e zaino, che quelli erano anni in cui Milano non soffriva l’essere “terra di nessuno” per scippi e furti.

Superato brillantemente l’esame, subito in sella e via verso Sestri Levante, tra le braccia di Patrizia, occhi color foglia d’Autunno e la dolcezza infinita di una giovane, giovanissima donna che ama.

 

Sliding doors”, quelle porte che si aprono e si chiudono su strade, su scelte non fatte o fatte diversamente.

Gioventù vissuta fino in fondo, tra molte violenze fisiche e sentimentali inferte e poche quelle subite.

Tanto, poi, la vita Maestra te le fa pagare tutte.

Le immagini di quel 1972 restano scolpite, scena perfetta.

 

Ora resta, in un angolo piccolo dei miei occhi, una porta socchiusa e lì mi guarda una sola finestra.

Due passi, o mezzo secolo dopo, un uomo anziano compete con storie ed incontri diversi.

Qualcosa manca, le figure e lo sfondo su cui si stagliano è incerto.

Hanno dimenticato la memoria ma non mancano di scivolare sotterranee dentro il corpo, è sufficiente dar loro ascolto nei tratti sdruciti del mio respirare ed agire.

 

Di lì a poco, Febbraio 1976, avrei iniziato a praticare Karate Shotokan, l’ingresso nel variegato mondo delle Arti Marziali.

Non ho ancora smesso, anzi, Arti Marziali e pratiche corporee varie, tra Feldenkrais, Danza Sensibile, Expression Primitive, Trager, Danza dell’Anima, Gestalt Terapy, Body Mind Centering e altro ancora, sono diventate il MIO percorso di conoscenza, crescita e trasformazione.

Chissà come nacque quella trans-forma che ora si presenta da fondi di disegni e gesti che fecero del confronto il terreno su cui associare la mia personalità in formazione, in divenire.

Un magico potere, Poteri Potenti? aveva il corpo, le emos – azioni, che non potevo fare a meno di accompagnarlo, come il mutato colore delle foglie accompagna ogni Autunno.

 

Era l’Autunno la stagione, sempre nel 1972, che mi portò dentro le mura della prigione di un corpo malato tra altri malati.

La stagione, decenni dopo, della morte di mio padre e dell’arrivo di “Lupo di Settembre”, antica Katana Shinto, metà del 1600, incontrata in un bosco avendo accanto mio figlio Lupo e Paolo, amico d’Ombra.

Ancora l’Autunno la stagione delle menzogne sparatemi addosso come fossero allegre bollicine e dei dolori vigliacchi, che senza nome e responsabilità tutto pare lecito, e quel che più mi fa male, mentre gli anni cambiano sul calendario, è non essere considerato degno di confidenza, di complicità, di verità condivisa.

 

Ora, nell’assenza di poeti e guerrieri, ogni potere è anche lui prepotente e arrogante nello scorrere dei giorni.

Ora, uomo anziano, mi chiedo che colori ho nel cuore? Che vista hanno i miei occhi?

E non sono mai domo, mente la mia psicoterapeuta mi dice che sono un guerriero e che il mio codice guerriero è, ormai, fuori moda.

 

A chi mi cammina accanto, a chi mi chiede una mano per affrontare malessere e nemici che lo divorano dentro, io offro il mio percorso d’Autunno. Che, dopo ogni Autunno, sono rimasto in piedi tra le lame gelide dell’Inverno, ho coltivato l’incertezza e la solitudine quanto il risveglio della Primavera, ho accettato tutto quel che veniva d’Estate: la fiducia nel futuro e la desolazione di stanze vuote.

Prima del successivo Autunno.

 

Come scritto e detto nei secoli, lo sciamano non è per forza una brava persona, anzi, e io non lo sono; però è uno rimasto sotto gli scrosci della pioggia e le tempeste del vento, senza scappare, mai. E può offrirti questa sua esperienza perché tu la faccia tua, perché anche tu impari a camminare sotto l’acqua e contro il vento. Sempre.

E così io ti offro la mia mano.